Il vulva shaming: un fenomeno diffuso?

Vulva Shaming

Siamo onesti per una volta. Noi donne siamo spesso tormentate dai dubbi su noi stesse. Soprattutto quando si tratta del nostro corpo, ci sentiamo spesso insicure e ci confrontiamo con un ideale di bellezza immaginario. Il vulva shaming, in tutte le sue forme, rientra proprio in questa categoria.

"Le mie labbra sono troppo grandi?" "Le mie labbra sono troppo piccole?" "Le mie mestruazioni sono disgustose?". "La mia vagina è brutta?". Sono tutte domande tipiche che riflettono vergogna e insicurezza. Un motivo sufficiente per andare a fondo del fenomeno del vulva shaming.

Cosa c'è dietro il vulva shaming?

In parole povere, il vulva shaming è una forma particolare di body shaming in cui proviamo vergogna e talvolta persino disgusto nei confronti di alcune aree del corpo. In questo caso, si tratta della vulva. Questo fenomeno è meno comune nella mente maschile ed è piuttosto difficile da comprendere. Certo, tra gli uomini c'è una certa vergogna per il "pene piccolo", ma i genitali maschili tendono a essere associati ad attributi positivi sia internamente che in pubblico.

La vagina è una storia completamente diversa. E questo è in parte dovuto ai commenti dispregiativi e alle parole alate che si sono sviluppate nel tempo. Che dire dei commenti offensivi su una vagina che si è allungata dopo il parto? O che dire di termini dispregiativi come "tacchino" quando le labbra minora si estendono oltre le labbra majora?

La formulazione contribuisce all'oscuramento della vulva
Allo stesso tempo, la vagina stessa ha una connotazione negativa nel nostro linguaggio quotidiano. Basta fare un confronto con il fallo o i testicoli maschili. Epiteti come latte, cazzo, palle, gioielli della corona, lancia ecc. emanano potere e tendono ad avere connotazioni positive. E che dire della nostra vagina? Non c'è nemmeno bisogno della brutta parola "F" per capire che la vagina ha una connotazione piuttosto negativa.

Come si spiegherebbero altrimenti nomignoli come fica, buco, fessura, fessura, pescheria e simili? In quest'ottica, la scelta delle parole nel linguaggio quotidiano contribuisce notevolmente al problema del vulva shaming. Naturalmente, non dobbiamo inventare termini artificiali con connotazioni positive. Sarebbe sufficiente chiamare la nostra vagina vagina, vagina o vulva. La fiducia in se stessi e tutto il resto... avete capito.

Cosa c'entra il camel toe con il vulva shaming?

Ok, a quasi tutte noi è capitato (intenzionalmente o meno) di avere un camel toe, o almeno di vederne uno dal vivo e in carne e ossa. Per tutti coloro che non conoscono il termine: il camel toe è un termine usato per descrivere quando le labbra sono chiaramente visibili sotto pantaloni stretti, collant o leggings.

A causa della somiglianza di questo slip, presumibilmente alla moda, con la punta di un cammello, viene chiamato "camel toe". I tabloid sono fin troppo felici di pubblicare foto di celebrità che indossano camel toe. Perché questo presunto passo falso? Semplicemente perché il camel toe è molto più normale quando si indossano pantaloni stretti di quanto lo sfarzoso mondo della moda voglia farci credere.

In questo modo si promuove un'immagine di sé completamente invertita, in quanto le labbra emergenti vengono rappresentate come assolutamente anormali. Paradossalmente, nella pubblicità dell'intimo maschile si verifica il contrario. Spesso, infatti, sono gli stessi pubblicitari a utilizzare l'editing digitale delle immagini per far risaltare ancora di più i genitali maschili.

A dire il vero, a questo punto si potrebbe anche notare che la manipolazione dà anche agli uomini l'impressione che i genitali grandi siano normali. Che si tratti di pene o di vagina, non c'è motivo di vergognarsi dell'aspetto dei propri genitali. E questo dovrebbe mettere presto fine al vulva shaming, non è vero?

Il period shaming come parte del vulva shaming

Il vulva shaming non si ferma all'aspetto delle labbra e simili. Parte del vulva shaming è il cosiddetto period shaming, cioè la vergogna delle proprie mestruazioni. Le mestruazioni sono associate alla vergogna e al disgusto. Questo non vale solo per le mestruazioni in sé, ma anche per gli assorbenti e altri ausili ad esse associati.

Assurdo, non è vero? Dopo tutto, si tratta di un processo fisico del tutto normale, quasi uguale per tutte le donne e le ragazze. Eppure molte donne hanno paura che gli altri notino le loro mestruazioni. Per alcune è a malapena possibile camminare dall'auto alla porta di casa con un pacchetto di assorbenti. È giunto il momento di porre fine a questa assurdità del vulva shaming.

"La mia vulva è normale?".

La domanda "la mia vulva è normale" è qualcosa che preoccupa molte donne e ragazze che soffrono di vulva shaming. È già comune che noi donne ci preoccupiamo di aree visive problematiche come la pancia, le gambe e il sedere e pensiamo a cosa possiamo fare. Questo meccanismo si sta ora estendendo anche alla vagina attraverso il vulva shaming. Sempre più donne si orientano verso un ideale di bellezza eclatante e sono quindi spesso particolarmente critiche nei confronti della propria vagina.

Dopo tutto, l'"immagine ideale di una vagina presentabile" si presenta così: pulita, a forma di pesca, leggermente rosa, con le labbra minora nascoste e profumate. Questa percezione di vulva shaming ha già avuto un impatto sulla sessualità quotidiana di molte donne. Per esempio, in un sondaggio sul vulva shaming, molte donne hanno dichiarato di astenersi dal sesso orale per vergogna.

Chirurgia plastica contro il vulva shaming?

Ma questa non è affatto la punta dell'iceberg del vulva-shaming. Infatti, il settore della chirurgia plastica della vulva è in piena espansione. Secondo la Società tedesca di chirurgia estetica, la chirurgia intima è stata la settima procedura più comune per le donne nel 2010. Che si tratti di imbottitura del mons veneris, riduzione delle piccole labbra, liposuzione o riduzione della pelle del clitoride.

Anche in questo caso le possibilità sono quasi illimitate. E solo in rarissimi casi le procedure hanno a che fare con il disagio durante i rapporti sessuali o il ciclismo. Nella maggior parte dei casi, dietro c'è semplicemente la vergogna della vulva e l'auto-ottimizzazione ottica. Si tratta di una situazione insostenibile. È decisamente giunto il momento per noi donne di avere una visione più positiva della nostra vulva e di smetterla con il vulva shaming.

Carrello
Ti mancano ancora  119.00 per la spedizione gratuita!